+39 333 924 0062
info@naturalboom.it

Blog

HomeBenessereRAGGIUNGERE LA CONCENTRAZIONE TRA LE DISTRAZIONI

RAGGIUNGERE LA CONCENTRAZIONE TRA LE DISTRAZIONI

Quanto sei bravo a distrati?

Quante volte ti sei seduto alla tua scrivania e hai cercato di concentrarti, solo per scoprire che la tua mente sta vagando?
Nonostante le tue migliori intenzioni, raggiungere la concentrazione tra le distrazioni è difficile. Siamo stati tutti in questa situazione familiare e frustrante, ed è qualcosa che può davvero minare le nostre prestazioni
In questo articolo esamineremo le attività che puoi praticare per migliorare la tua concentrazione e ridurre le distrazioni quotidiane.
Il potere della concentrazione è una delle abilità più importanti che tutti dovrebbero possedere. Questa abilità è essenziale in tutte le aree della vita e per tutti. Tuttavia, pochi dedicano tempo a svilupparla.

equilibrio e concentrazione


Al giorno d’oggi, la durata dell’attenzione della maggior parte delle persone è piuttosto breve. Ci sono molte ragioni per la breve durata dell’attenzione, come l’enorme quantità di informazioni che le persone devono affrontare, la mancanza di pazienza, lo stress, il troppo lavoro ecc.
Questa non è una scusa per la mancanza di una buona concentrazione. È possibile migliorare la propria concentrazione. Anche pochi minuti al giorno per allenare la tua concentrazione ti metterebbero in una posizione migliore da dove sei ora.

I benefici della mindfulness

Meditazione e mindfulness: le parole evocano immagini di ritiri yoga e monaci buddisti. Ma forse dovrebbero evocare un’immagine molto diversa: un uomo con un cappello da cacciatore che sbuffa in una pipa ricurva, il signor Sherlock Holmes in persona. Il più grande detective immaginario del mondo è qualcuno che conosce il valore della concentrazione, di “mettere il cervello fuori uso”, come dice il dottor Watson. 

distrazione


Il più delle volte, quando viene presentato un nuovo caso, Holmes non fa altro che sedersi sulla sua sedia di pelle, chiudere gli occhi e unire le sue mani dalle lunghe dita in un atteggiamento che implora il silenzio. Potrebbe essere il detective più inattivo in circolazione. Il suo approccio al pensiero cattura proprio ciò che gli psicologi cognitivi intendono quando dicono mindfulness.

Anche se il concetto ha origine in antiche tradizioni buddiste, indù e cinesi, quando si tratta di psicologia sperimentale, la mindfulness è meno sulla spiritualità e più sulla concentrazione: la capacità di calmare la mente, concentrare l’attenzione sul presente e respingere qualsiasi distrazione che arriva. 
La formulazione risale al lavoro della psicologa Ellen Langer, che ha dimostrato negli anni ’70 che il pensiero attento potrebbe portare a miglioramenti nelle misure delle funzioni cognitive e persino delle funzioni vitali negli adulti più anziani.
Ora stiamo imparando che i benefici possono arrivare ancora più lontano, ed essere più raggiungibili, di quanto il professor Langer avrebbe potuto immaginare. Anche in piccole dosi, la mindfulness può produrre cambiamenti impressionanti nel modo in cui ci sentiamo e pensiamo – e lo fa ad un livello neurale di base.

Una spinta in più

L’idea che la meditazione faccia bene non è certo nuova, ma gli scienziati stanno ancora cercando di capire esattamente perché meditare in modo così affidabile migliora la salute mentale e fisica. Una vecchia teoria è che la meditazione è proprio come l’esercizio fisico: allena il cervello come se la materia grigia fosse un insieme di muscoli. Lavori quei muscoli e diventano più forti.

una spinta in più


I benefici di concentrazione dati dalla pratica della mindfulness e della meditazione non sono solo comportamentali; sono fisici.
Negli ultimi anni, è stato dimostrato che la mindfulness migliora la connettività all’interno delle reti attenzionali del nostro cervello.
La mindfulness, in altre parole, aiuta le nostre reti di attenzione a comunicare meglio e con meno interruzioni di quanto farebbero altrimenti.

Ed è in queste connessioni, in questa rete che aiuta a comunicare meglio che risiede il potere di NATURALBOOM, il primo Mental Drink 100% naturale.
Grazie alla presenza dei nootropi o sostanze intelligenti, favorisce la concentrazione e aiuta le connessioni mentali.
Inoltre grazie ai suoi ingredienti naturali e all’utilizzo del succo d’agave come dolcificante, ha una curva glicemica molto bassa e questo lo rende un soft drink perfetto anche per i più pigri. NATURALBOOM sfrutta le proprietà rigeneranti e benefiche reperibili in natura per alleviare la fatica e migliorare le capacità cognitive senza controindicazioni per l’organismo.

Non l’hai ancora provato? Ecco spiegato il motivo della tua scarsa concentrazione … 

Post a Comment

Iscriviti alla Newsletter
Sconto del 10% sul primo ordine!
Riceverai il tuo codice promo via email
    ISCRIVITI